Sostenibilità? Ma…fammi ridere!

Lo confesso, più di una volta mi sono chiesta perchè, quando si parla di ambiente e sostenibilità, si tenda a diventare noiosi e difficili da seguire. Spesso ciò che riguarda la comunicazione ambientale e l’ecologia viene associato a fanatici e aspiranti eremiti e al primo accenno a un – anche minimo – cambiamento delle abitudini quotidiane  si viene a volte additati come estremisti e retrogradi.

Riuscire a comunicare e diffondere informazioni e suggerimenti di buone pratiche non è un compito semplice e le strategie sono molte. Ad esempio, c’è chi ha deciso di superare l’iniziale diffidenza…buttandola sul ridere!
In realtà l’argomento è serio, come ricordano gli ideatori dello spettacolo EcoCabaret, ma lo scopo è riuscire a raccontare le nostre abitudini e i nostri errori con una risata, dando spunti di riflessione in maniera leggera e “commestibile” a tutti.

È dall’anno scorso che sento parlare di questo gruppo di comici, che ho cominciato a seguire anche su friendfeed. Qualche mese fa hanno rinnovato il loro sito internet e hanno pubblicato una serie di notizie relative ai loro progetti di comunicazione ambientale.
Di cosa si tratta di preciso? Come spiegano gli EcoCabarettisti nella loro presentazione, siamo tutti chiamati a dare il nostro contributo per salvaguardare l’ambiente in cui viviamo. Ognuno a proprio modo, ognuno nella propria realtà. Spesso ciò che si può fare è semplice, basta saperlo. E perchè, quindi, non scoprirlo con un sorriso?
Gli spettacoli ideati dal gruppo di comici servono proprio a questo! E per raggiungere lo scopo e comunicare con un pubblico più ampio, sono state ideate due versioni dello spettacolo: una più didattica – “Ambientiamoci” – e l’altra – “Differenziamoci” – adatta a ogni tipologia di spettatore.

Per vedere all’opera i cinque comici – Eugenio Chiocci, Alessio Parenti, Valeria Musso, Carlo Giuffra, Clara Taormina – date un’occhiata al calendario dei prossimi eventi sul sito Ecocabaret.it.
Potete seguire gli EcoCabarettisti anche su Twitter.

Il progetto sembra interessante soprattutto perchè tenta di rendere piacevole un qualcosa che, indubbiamente, richiede un po’ di attenzione quotidiana e che richiama al senso di responsabilità di ognuno di noi.
Mentre aspetto l’occasione giusta per andare a curiosare durante un loro spettacolo, mi chiedo se gli EcoCabarettisti abbiano già pensato ad abbinare alla sensibilizzazione anche delle forme di riduzione dell’impatto dei propri eventi. Quella degli spettacoli teatrali è una categoria un po’ particolare, sarebbe interessante capire quali strategie potrebbero essere applicate.

About these ads

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...